Archivio eventi  2006

 

Punteggi alla Giostra del Palio delle Contrade 2006

Contrada

Cavaliere

I tornata

II tornata

III tornata

Totale

Bureg di Minen

Enrico Giusti

4

2

4

10

Castellaicardi

Andrea Fornari

f.t

ft

0

0

Dragonda

Gabriele Veneri

3

5

6

14

Grillo

Fabio Massimo

8

2

4

14

Prevostura

Luca Veneri

5

8

2

15

Trinità

Alessandro Vannozzi

2

ft

4

6

 

da La Nazione                    

                                                                                                            GIOSTRA DEL SARACINO DI AREZZO                            

                                                                                                                              GLI SCONFITTI
                                                      Santo Spirito: allarme Luca Veneri - L’alfiere della colombina  non trova più nè punteggio nè cavallo.

                                                                                              Errori da matita blu per Giusti e Marco Cherici

Arezzo, 19 giugno 2006 - Settantasette giorni per tornare competitivi. Settantasette giorni da oggi a domenica 3 settembre quando il Buratto tornerà a troneggiare là in fondo alla lizza di piazza Grande. Il giorno dopo di una lancia d’oro persa può servire per riordinare le idee ed interpretare i motivi di una sconfitta che, per una volta, non ha davvero attenuanti. Perdere fa sempre male e a Porta Santo Spirito, Porta del Foro e Porta Crucifera l’amarezza può sembrare quella di tanti altri «day after». Perdere fa sempre male, dicevamo, ma questa volta c’è qualcosa di più. Perché il «brocco» si è accasato con merito nella sede di Sant’Andrea, ma Enrico Vedovini e Stefano Cherici si sono limitati ad un esercizio di bella calligrafia giostresca, mentre dagli altri cavalieri sono arrivati errori da matita blu. Quattro e quattr’otto senza spareggi e con un vantaggio di tre punti su tutti gli avversari sono numeri da Giostre dei tempi eroici. Quando i giostratori si allenavano poco e male nei giorni immediatamente precedenti al Saracino.
Ma nessuno può mettere in dubbio la professionalità e la passione dei sei avversari del re delle Indie usciti malconci dall’edizione numero 111. Hanno preparato con scrupolo l’impegno ma dalle loro sei carriere sono arrivati quattro punteggi al di sotto della soglia del quattro. Un ventaglio completo, dallo zero di Luca Veneri al tre di Marco Cherici, passando per l’uno di Enrico Giusti e il due di Alessandro Vannozzi. A salvarsi in questa notturna a scartamento ridotto solo Carlo Farsetti e Gabriele Veneri. Il primo ha colpito un cinque bello come il sole che però è stato come un granello di zucchero nell’amaro di un limone.
Santo Spirito aveva già il destino segnato dalla prima carriera di Luca Veneri. Lancia nella polvere come i sogni di gloria. E un altro cavallo, El Chino Recoba, che gli ha dato filo da torcere. Proprio il feeling con i quadrupedi sembra il problema più impegnativo affrontato da Luca negli ultimi anni. Da quando Kid, il cavallino di tante vittorie, ha meritato la pensione, è un’anima in pena alla ricerca di un possibile sostituto. Dal curioso avelignese abbandonato in tutta fretta fino al Chino si sono alternati tanti cavalli, ma nessuno ha convinto l’ex giallocremisi che è saltato da una sella all’altra senza costrutto.
Il fratello Gabriele nella sua storia di Giostra non ha mai trovato un compagno di viaggio su cui puntare per anni, tanto che anche in questa edizione ha dovuto rispolverare Insulina, una cavalla già messa da parte. Ma la sua regolarità e la sua esperienza gli hanno permesso di centrare un quattro, l’ennesimo della sua carriera. A tradire le speranze di Porta del Foro è stato invece Enrico Giusti che è finito su una parte «proibita» del cartellone che vale un punto. Qui la conoscenza con la cavalla Lady è fuori discussione, così come l’impegno di un giostratore meticoloso. Ma già dalle prove settimanali non era arrivata quella continuità di risultati
necessaria per poter puntare al cinque e mettere in salita la strada agli altri quartieri. Puntare al centro ha messo fuorigioco Porta del Foro mentre un quattro, a giochi fatti, sarebbe valso lo spareggio.
Porta Crucifera, favorita della vigilia, si è arresa soltanto all’ultima carriera. Vannozzi ha provato a ripetere il centro che nove mesi fa regalò la lancia d’oro ai rossoverdi. Non c’è riuscito, anzi ha incocciato un due netto. Ma se a settembre 2005 fu una scelta questa volta era un obbligo e i miracoli non sono di tutti i giorni. A mettere nelle peste Vannozzi era stato il compagno Marco Cherici che non era riuscito a prendere il quattro, pur essendoci andato molto vicino. Tutti rimandati a settembre. Ci sono settantasette giorni per recuperare.
                                                                                                                            Federico d'Ascoli
 

 

AREZZO - GIOSTRA DEL SARACINO - Settembre 2006

E’ proprio il caso di dirlo: Porta Santo Spirito ha trionfato. Non solo ha battuto gli avversari senza dover ricorrere agli spareggi ma ha dimostrato di avere una coppia di giostratori che oggi non teme rivali. Senza l’infortunio occorso nella passata edizione a Luca Veneri, la caduta della lancia che vanificò il suo quattro, sarebbe stata la seconda volta consecutiva che i giallo blu uscivano dalla Piazza con nove punti. Un’edizione spettacolare, intensa, bellissima. Il miglior biglietto da visita che Arezzo poteva presentare all’illustre ospite il Presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi che infatti si è dichiarato affascinato dalla nostra manifestazione ed impressionato, soprattutto, dalla bravura di Carlo Farsetti autore di uno strepitoso centro. Ma andiamo per ordine. Apre le carriere Porta del Foro che manda sulla lizza Gabriele Veneri. Il giostratore giallo cremisi non delude le aspettative e marca un ottimo quattro imitato poi sia da Marco Cherici (Porta Crucifera) che da Luca Veneri (Porta Santo Spirito) ed Enrico Vedovini (Porta Sant’Andrea) cosicché al termine della prima tornata tutti i quartieri sono a pari punti. Enrico Giusti, che apre il secondo turno di carriere, marca sicuro e preciso sul quattro e Porta del Foro si attesta ad otto punti. Il colpo di scena si ha con la carriera di Alessandro Vannozzi il quale ottiene solo tre punti decretando l’esclusione dei rosso verdi dal proseguo della Giostra. E’ ora la volta di Carlo Farsetti. Una carriera precisa la sua con il cavallo che lo asseconda in ogni mossa e permette così al giostratore di ripetere il centro marcato anche nell’ultima edizione quando però il punteggio non ebbe valore causa lo zero ottenuto dal suo compagno. Questa volta il risultato è ben diverso. Eliminato anche Porta del Foro ed obbligo per Porta Sant’Andrea di imitare il cinque per poter acceder agli spareggi. Il miracolo non riesce a Stefano Cherici e cosi sono i quartieristi giallo blu a portare la Lancia d’Oro, bellissima, dedicata al 100° anniversario della fondazione della Brigata Aretina Amici dei Monumenti nella loro sede. E’ anche la vittoria n° 26 per i sostenitori della colombina che lasciano così solitario all’ultimo posto Porta del Foro ed avvicinano Porta Sant’Andrea. Un bravo di cuore al Capitano Barberini ed ai suoi collaboratori.

da Arezzonotizie-Marco Rosati

 

MODENA

23 settembre

1^  Festa Regionale dell'AERRS

Teatro Collegio S.Carlo ore 9
Convegno: AERRS
Il percorso regionale delle rievocazioni storiche

 ore 16
Corteo Storico con oltre 350 figuranti.

 Sfileranno per le vie cittadine partendo dal Foro boario e proseguendo per: Via Berengario - Corso Cavour - V.3 febbraio 1831 - V.Farini - V.Emilia - C.so Duomo - P. Grande.

ore 17.00 P.Grande

Esibizioni sbandieratori, danzatrici, armigeri e musici

al termine corteo da P.grande - C.so Duomo - V.Emilia - L.go porta S.Agostino - L.go Moro - V.Francesco Maria Molza.

 

Partecipanti

Niballo - Palio di Faenza - Palio del Daino - Mondaino - Palio di Ferrara

Palio di Santa Reparata e della Romagna-Toscana -Terra del sole

Lotta per la spada dei contrari -Savignano sul Panaro

Palio delle contrade - San Secondo Parmense - Palio di Parma - Contesa Estense - Lugo

Palio di Copparo (FE) - Dama vivente - Castelvetro (MO) - I giorni del Capitano - Bagno di Romagna

Serate Estensi - Modena -  Otto castelli per un palio - Predappio


Ass.ne Emilia Romagna Rievocazioni Storiche
info: Servizio Sport 059/2032707- 802

 

Associazione

Emilia-Romagna Rievocazioni Storiche

 

Segreteria   c/o  Settore Cultura Comune di Faenza

Piazza Suor Teresa  Rampi, 01   -   48018    Faenza    (RA)

 

 

 PALIO DEL NIBALLO                       Comune di Faenza    (RA)

 

OTTO CASTELLI PER UN PALIO    Circolo ACLI ENARS  Polisportiva  Rocca delle Caminate  Predappio  (FC)

 

PALIO DI PARMA                            Centro Sportivo Italiano - Parma

 

CONTESA ESTENSE                            Associazione Contesa Estense Città di Lugo  (RA)

 

ENTE PALIO DI FERRARA

 

PALIO DELLE CONTRADE                Associazione Palio Delle Contrade   San Secondo Parmense  (PR)

 

ASSOCIAZIONE DAMA VIVENTE   Castelvetro (MO)

 

PALIO DI S.REPARATA                     Ente Palio di S.Reparata e della Romagna Toscana   Terra del sole (FC)

 

SERATE ESTENSI                                Assessorato allo Sport  Comune di Modena

 

 

Il Fior di Battaglia

 di

 Fiore dei Liberi da Cividale

Il Codice Ludwig XV 13 del J. Paul Getty Museum

 

 a cura di Massimo Malipiero

Ed. Ribis

“Il Fior di Battaglia di Fiore dei Liberi da Cividale – Il Codice Ludwig XV 13 del J. Paul Getty Museum”  a cura di Massimo Malipiero, Ed. Ribis, Udine 2006, pp. 356 (prefazione della prof. Carla Sodini, docente di Storia Militare presso l'Università di Firenze) è un volume poderoso rivela grandi sorprese. Dopo due video che ritraevano le tecniche del Maestro  d’Arme Friulano, Malipiero ha voluto continuare, in questi otto anni, a scandagliare i versi e le immagini del Manoscritto del XV secolo nei suoi tre codici (Pisani-Dossi, Morgan e Getty-Ludwig) con una particolare attenzione alla versione del Getty-Morgan e non ha mai smesso di cercare notizie nascoste negli archivi e nelle biblioteche italiane.

Il volume pubblicato dall’editore Mario Ribis (realizzato grazie al contributo della Fondazione Crup) in associazione con il J. Paul Getty Museum di Los Angeles –USA, è suddiviso in 12 capitoli che comprendono l’analisi della miniature e dei maestri che le dipinsero, l’abbigliamento, le armi, le consuetudini sul duello, la lingua e soprattutto la vita di Fiore. Il tutto accompagnato da una puntuale trascrizione diplomatica (la prima al mondo di questo codice) eseguita secondo le norme vigenti. Inoltre per la prima volta dopo oltre cento anni si potrà ammirare il manoscritto a colori concesso dal J. Paul Getty Museum ( essendo il Pisani- Dossi sparito dopo il grande lavoro di analisi critica del Novati nel 1902) ed alcuni documenti in cui appare il nome di Fiore.

L’opera sarà presentata Sabato 16 Dicembre 2006 alle ore 21.00 presso il “Centro San Francesco”, grazie alla collaborazione dell’Assessorato al Turismo del Comune di Cividale del Friuli –Ud, all’Associazione per lo Sviluppo degli Studi Storici ed Artistici di Cividale e alla cortese concessione della Parrocchia di Santa Maria Assunta dello spazio del Centro San Francesco

Per informazioni: tel. 0432 283838 e-mail: info@pionirs.it; info@malipiero.com